Percepire una quasi-realtà. La fruizione cinematografica nell’estetica di Ingarden