Dentro e intorno all’iconografia martiriale romana: dal “vuoto figurativo” all’“immaginario devozionale”