La spontaneità costruita. "Tarda estate" di Adalbert Stifter