L’identità di chi legge: il caso della poetessa Wislawa Szymborska (Nobel 1996)