La flessibilità del mercato del lavoro e il mito del conflitto tra generazioni