Esperienza e “fede comune”. Una risposta a Ramón del Castillo Santos