Pescara: l'eterogeneità come valore metropolitano