Il rumeno tra conservazione e innovazione