Un tempo il senso comune attribuiva agli uomini forza e capacita di agire e alle donne debolezza e passività, che cosa è cambiato dopo almeno trent'anni di femminismo? E soprattutto: cosa è passato nell'immaginario delle giovani donne, nella consapevolezza che hanno di loro stesse? I testi presentati in questo volume sono il frutto di un lavoro seminariale durato circa due anni, che ha interrogato luoghi comuni e acquisizioni date per scontate, in un confronto con le differenze tra Occidente e Oriente e alla luce delle opere di alcune grandi pensatrici, da Carla Lonzi, Christa Wolf, Christine de Pizan, Maria Zambrano a Julia Kristeva, Gayatri SpivaK, Simone Weil e Angela Putino fino ad alcune icone dell'immaginario collettivo come la protagonista di Kill Bill. Forza non significa necessariamente violenza, né la passività sempre si contrappone all'agire radicale: fragilità e potenza vanno quindi ridefinite, la forza può essere pensata fuori dal suo destino di distruttività, tanto più in una fase in cui la cosiddetta "femminilizzazione della società" è tendenza globale, contraddittoria, ambigua e diseguale, e ancora tutta da indagare.

Giardini, F. (2011). La forza e la grazia. Per una genealogia. In Sensibili guerriere. Sulla forza femminile (pp. 130-147). Pavona - ROMA : Jacobelli.

La forza e la grazia. Per una genealogia

GIARDINI, FEDERICA
2011

Abstract

Un tempo il senso comune attribuiva agli uomini forza e capacita di agire e alle donne debolezza e passività, che cosa è cambiato dopo almeno trent'anni di femminismo? E soprattutto: cosa è passato nell'immaginario delle giovani donne, nella consapevolezza che hanno di loro stesse? I testi presentati in questo volume sono il frutto di un lavoro seminariale durato circa due anni, che ha interrogato luoghi comuni e acquisizioni date per scontate, in un confronto con le differenze tra Occidente e Oriente e alla luce delle opere di alcune grandi pensatrici, da Carla Lonzi, Christa Wolf, Christine de Pizan, Maria Zambrano a Julia Kristeva, Gayatri SpivaK, Simone Weil e Angela Putino fino ad alcune icone dell'immaginario collettivo come la protagonista di Kill Bill. Forza non significa necessariamente violenza, né la passività sempre si contrappone all'agire radicale: fragilità e potenza vanno quindi ridefinite, la forza può essere pensata fuori dal suo destino di distruttività, tanto più in una fase in cui la cosiddetta "femminilizzazione della società" è tendenza globale, contraddittoria, ambigua e diseguale, e ancora tutta da indagare.
978-88-6252-076-8
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/159570
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact