Effetto "Domino": Tony Scott e i limiti del post-classico