Cassiodoro, Variae III, 32 (Il re Teoderico allo spettabile Gemello)