Fessehatsion Beyene. Storia di un suddito coloniale tra carriera e razzismo