Il presente intervento si concentra sull'esperienza di Sala F , in onda tra il 1976 e il 1979 sulla seconda rete, avventura radiofonica tutta al femminile - dalla capo-struttura Lidia Motta alle conduttrici, fino alle voci ospitate in onda. Oltre a ricostruire il clima in cui il programma nasce e si sviluppa, la ricerca mette a fuoco, attraverso l'analisi del contenuto di un campione di puntate andate in onda tra novembre e dicembre 1977, il tema dell'emancipazione femminile, declinata attraverso sfumature tematiche come la sessualità, il rapporto di coppia, l'idea di famiglia, la solidarietà tra donne, il matrimonio, la maternità, il lavoro, il femminismo. Tra le opinioni delle ascoltatrici e quelle delle conduttrici, portatrici di una posizione ufficiale del programma, emerge lo stile di Sala F, in grado di stimolare la riflessione, di dare spunti e sostegno alle donne in ascolto, di insegnare loro a parlare, a dire le proprie ragioni su temi anche forti come divorzio e aborto. Antiretorico e volutamente profondo, mai morboso di fronte alla difficoltà e alla commozione di chi parla, Sala F si distingue molto, nello stile oltre che nei temi, dalle manifestazioni radiofoniche sue contemporanee, configurandosi come novità estetica e di contenuto rispetto a una tradizione complessivamente dominata dal maschile.

Perrotta, M. (2015). La differenza in radio. Donne al microfono di Sala F (1976-79). In S.F. Lucia Cardone (a cura di), Filmare il femminismo. Studi sulle donne nel cinema e nei media (pp. 193-204). Pisa : Edizioni ETS.

La differenza in radio. Donne al microfono di Sala F (1976-79)

PERROTTA, MARTA
2015-01-01

Abstract

Il presente intervento si concentra sull'esperienza di Sala F , in onda tra il 1976 e il 1979 sulla seconda rete, avventura radiofonica tutta al femminile - dalla capo-struttura Lidia Motta alle conduttrici, fino alle voci ospitate in onda. Oltre a ricostruire il clima in cui il programma nasce e si sviluppa, la ricerca mette a fuoco, attraverso l'analisi del contenuto di un campione di puntate andate in onda tra novembre e dicembre 1977, il tema dell'emancipazione femminile, declinata attraverso sfumature tematiche come la sessualità, il rapporto di coppia, l'idea di famiglia, la solidarietà tra donne, il matrimonio, la maternità, il lavoro, il femminismo. Tra le opinioni delle ascoltatrici e quelle delle conduttrici, portatrici di una posizione ufficiale del programma, emerge lo stile di Sala F, in grado di stimolare la riflessione, di dare spunti e sostegno alle donne in ascolto, di insegnare loro a parlare, a dire le proprie ragioni su temi anche forti come divorzio e aborto. Antiretorico e volutamente profondo, mai morboso di fronte alla difficoltà e alla commozione di chi parla, Sala F si distingue molto, nello stile oltre che nei temi, dalle manifestazioni radiofoniche sue contemporanee, configurandosi come novità estetica e di contenuto rispetto a una tradizione complessivamente dominata dal maschile.
Perrotta, M. (2015). La differenza in radio. Donne al microfono di Sala F (1976-79). In S.F. Lucia Cardone (a cura di), Filmare il femminismo. Studi sulle donne nel cinema e nei media (pp. 193-204). Pisa : Edizioni ETS.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/162107
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact