La regola contrattuale tra testo e controllo