L’Ecale di Callimaco e la poesia “di nuovo stile”