La rappresentazione dell'Altro nella "Gerusalemme liberata" di Tasso