L’orizzonte perduto di Ford