La "privatizzazione" dei dirigenti generali