Il titulus di Costantino tra conciliarismo, umanesimo e iconografia