Plotino su pensiero, estensione e percezione sensibile: Un dualismo "cartesiano"?