Si esamina la disciplina introdotta dalla nuova legge fallimentare concrnente le attribuzioni del curatore, le modalità di esercizio delle stesse, con particolare riferimento alla possibilità di avvalersi di coadiutori o ausiliari, la gestione dei depositi fallimentari e le relazioni informative agli altri organi della procedura. Particolare rilievo è dato all'esercizio dei poteri di cd. amministrazione straordinaria ed al rapporto con il comitato dei creditori quanto alle autorizzazioni i questo.

SPAGNUOLO D (2010). Commento agli artt. 32-35. In S.M. NIGRO A. (a cura di), La legge fallimentare dopo la riforma (pp. 415-464). TORINO : Giappichelli.

Commento agli artt. 32-35

SPAGNUOLO, DOMENICO
2010

Abstract

Si esamina la disciplina introdotta dalla nuova legge fallimentare concrnente le attribuzioni del curatore, le modalità di esercizio delle stesse, con particolare riferimento alla possibilità di avvalersi di coadiutori o ausiliari, la gestione dei depositi fallimentari e le relazioni informative agli altri organi della procedura. Particolare rilievo è dato all'esercizio dei poteri di cd. amministrazione straordinaria ed al rapporto con il comitato dei creditori quanto alle autorizzazioni i questo.
978-88-348-0016-4
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/168441
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact