La "fiammata" di De Santis. Ovvero del progetto di un neorealismo "hollywoodiano”