“Andrò al Louvre a vedere certi pittori”: sensazione e memoria nella ricerca pittorica di Camille Pissarro