Italia e Ungheria dalla non belligeranza alla doppia rappresentanza