Il Socrate di Erik Satie, tra autoironia e 'maieutica musicale'