Interiore, esteriore, indifferenziato: il tempo del cinema