Né dottoresse né ignorantelle. Analisi pedagogica dei due testi “maggiori”: il Pulcino (1875) e La fanciulla massaia (1880)