Nel presente saggio l'autore introduce il tema dell'educazione sentimentale untanto di riflettori ermeneutici sulla figura del disabile (ossia la sua rappresentazione) e assumendo come sfondo integratore che ne risalta i contorni il cinelinguaggio. Il cinema, infatti, è un mediatore narrativo capace di delineare quanto e in che misura la cultura tenda a "normalizzare" e, quindi, a neutralizzare le diversità e i modi con cui le differenze si palesano nel sociale.

BOCCI F (2014). C'è una luce che non verrà mai meno. Educazione sentimentale e disabilità nel cinema. In L'educazione sentimentale. Vita e norme nelle pedagogie narrate (pp. 259-280). MILANO : Guerini Scientifica.

C'è una luce che non verrà mai meno. Educazione sentimentale e disabilità nel cinema

BOCCI, FABIO
2014

Abstract

Nel presente saggio l'autore introduce il tema dell'educazione sentimentale untanto di riflettori ermeneutici sulla figura del disabile (ossia la sua rappresentazione) e assumendo come sfondo integratore che ne risalta i contorni il cinelinguaggio. Il cinema, infatti, è un mediatore narrativo capace di delineare quanto e in che misura la cultura tenda a "normalizzare" e, quindi, a neutralizzare le diversità e i modi con cui le differenze si palesano nel sociale.
9788881073603
BOCCI F (2014). C'è una luce che non verrà mai meno. Educazione sentimentale e disabilità nel cinema. In L'educazione sentimentale. Vita e norme nelle pedagogie narrate (pp. 259-280). MILANO : Guerini Scientifica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/172282
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact