Fra trasparenza e opacità. Il lavoro con gli attori