Paolo Sorrentino, l'immaginazione e il potere