La "cultura rom" tra maledizione e salvezza