Singolare e molteplice. Michel Foucault e la questione del soggetto