Risposta a quanti vanno profetizzando imminenti ‘scontri di civiltà’, l’esperienza del dialogo interculturale ed interreligioso, in controtendenza, si prospetta come la strada privilegiata per governare il pluralismo che ormai caratterizza la società europea. In tal senso il Mediterraneo, da sempre laboratorio di fecondi e complessi intrecci culturali, è – per eredità storica e per collocazione geografica – la naturale cornice dell’incontro fra esperienze religiose diverse. Il dialogo interreligioso, che nel testo emerge in tutta la sua complessità, obbliga a ripensare politiche culturali ed educative che tengano conto dei cambiamenti in atto nella società europea, raccogliendo altresì l’eredità dello scenario mediterraneo. L’Università si presenta come luogo di sperimentazione di una prassi dialogica, autentica sfida per le nuove generazioni. Da tale prospettiva nasce la necessità di far dialogare saperi diversi, ma soprattutto si fa viva l’urgenza di mettere in relazione il piano della riflessione teorica con quello del racconto esperienziale, dando così piena voce alla fatica e alla bellezza dell’incontro con l’altro. I saggi riportati nel volume, risultato del ciclo di Seminari internazionali “Dialoghi religiosi e culturali nel Mediterraneo”, promossi dal Laboratorio sul “Pluralismo culturale” (PLUC) privilegiano, come soggetti del dialogo, studiosi di rilevanza internazionale cristiani, ebrei e musulmani; una particolare attenzione è dedicata al mondo islamico

CANTA C. C.., & M.PEPE (a cura di). (2007). Abitare il dialogo.Società e culture dell'amicizia nel Mediterraneo. MILANO : FrancoAngeli.

Abitare il dialogo.Società e culture dell'amicizia nel Mediterraneo

CANTA, CARMELINA;
2007

Abstract

Risposta a quanti vanno profetizzando imminenti ‘scontri di civiltà’, l’esperienza del dialogo interculturale ed interreligioso, in controtendenza, si prospetta come la strada privilegiata per governare il pluralismo che ormai caratterizza la società europea. In tal senso il Mediterraneo, da sempre laboratorio di fecondi e complessi intrecci culturali, è – per eredità storica e per collocazione geografica – la naturale cornice dell’incontro fra esperienze religiose diverse. Il dialogo interreligioso, che nel testo emerge in tutta la sua complessità, obbliga a ripensare politiche culturali ed educative che tengano conto dei cambiamenti in atto nella società europea, raccogliendo altresì l’eredità dello scenario mediterraneo. L’Università si presenta come luogo di sperimentazione di una prassi dialogica, autentica sfida per le nuove generazioni. Da tale prospettiva nasce la necessità di far dialogare saperi diversi, ma soprattutto si fa viva l’urgenza di mettere in relazione il piano della riflessione teorica con quello del racconto esperienziale, dando così piena voce alla fatica e alla bellezza dell’incontro con l’altro. I saggi riportati nel volume, risultato del ciclo di Seminari internazionali “Dialoghi religiosi e culturali nel Mediterraneo”, promossi dal Laboratorio sul “Pluralismo culturale” (PLUC) privilegiano, come soggetti del dialogo, studiosi di rilevanza internazionale cristiani, ebrei e musulmani; una particolare attenzione è dedicata al mondo islamico
CANTA C. C.., & M.PEPE (a cura di). (2007). Abitare il dialogo.Società e culture dell'amicizia nel Mediterraneo. MILANO : FrancoAngeli.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/189825
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact