Non bastano i bambini a garantire l'esistenza dell'infanzia. Ci vuole un idea d'infanzia perché senza di essa l'infanzia non c'è. L'infanzia viene generalmente studiata dalla sociologia nella sua atipicità o per i suoi rapporti con il mondo degli adulti e ignorata invece nella sua normalità. Ma chi sono i bambini? Gli autori del testo rispondono a tale questione e mettono in evidenza le concezioni che sottostanno all'agire infantile. Le riflessioni mirano a far luce sulle dinamiche proprie dell'infanzia, intesa come categoria sociale permanente di ogni comunità umana e non solo come fase di transizione verso il mondo degli adulti.

D'AMATO MARINA (a cura di). (2008). PER UN'IDEA DI BAMBINI. INTRODUZIONE. ROMA : Armando Editore.

PER UN'IDEA DI BAMBINI. INTRODUZIONE

D'AMATO, Marina
2008

Abstract

Non bastano i bambini a garantire l'esistenza dell'infanzia. Ci vuole un idea d'infanzia perché senza di essa l'infanzia non c'è. L'infanzia viene generalmente studiata dalla sociologia nella sua atipicità o per i suoi rapporti con il mondo degli adulti e ignorata invece nella sua normalità. Ma chi sono i bambini? Gli autori del testo rispondono a tale questione e mettono in evidenza le concezioni che sottostanno all'agire infantile. Le riflessioni mirano a far luce sulle dinamiche proprie dell'infanzia, intesa come categoria sociale permanente di ogni comunità umana e non solo come fase di transizione verso il mondo degli adulti.
978-88-6081-416-6
D'AMATO MARINA (a cura di). (2008). PER UN'IDEA DI BAMBINI. INTRODUZIONE. ROMA : Armando Editore.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/191748
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact