Il restauro e la sistemazione museale dell'area archeologica dei Mercati di Traiano ha avuto come obiettivo principale quello di conciliare i caratteri di un monumento storico e artistico con i requisiti di un centro archeologico museale dotato di servizi tecnologici, didattici, di ricezione, di consultazione ed accessibile ad un'utenza ampliata. In questo quadro il progetto di architettura assume il ruolo di strumento diretto a mediare le istanze di conservazione con quelle di ammodernamento e di adeguamento alle nuove esigenze.

This publication contains the papers of the seminar "arch.it.arch., Archeology and architecture dialogues" organized since 2005-06, on archeology, design, architecture, by the University of Rome TRE, Faculty of Architecture, Faculty of Humanities, Department of Planning and Architecture study, Department of artis-historical studies, archaeological and conservation. The seminars are an opportunity for free discussion about the relationship between archaeological and architectural design with a view to the cultural use of the site. Scientific care initiative: Daniele Manacorda, Riccardo Santangelo (Department of artis-historical studies, archaeological and conservation), Luigi Franciosini, Elisabetta Pallottino (Department of Planning and Architecture studiuo), Rita Volpe, Stefania Picciola, Alessandra Carlini and Paola Porretta. Within the publication is present the paper by Luigi Franciosini and Riccardo d'Aquino: "The archaeological site of Merecati di Traiano, restoration and museum system."

MANACORDA d, SANTANGELI VALENZANI r, FRANCIOSINI l, PALLOTTINO e, VOLPE r, PICCIOLA s, et al. (a cura di). (2006). Arch.it.arch. Dialoghi di archeologia e architettura. Seminari 2005-2006. ROMA : Edizioni Quasar.

Arch.it.arch. Dialoghi di archeologia e architettura. Seminari 2005-2006

MANACORDA, Daniele;FRANCIOSINI, Luigi;CARLINI a;PORRETTA, PAOLA
2006

Abstract

Il restauro e la sistemazione museale dell'area archeologica dei Mercati di Traiano ha avuto come obiettivo principale quello di conciliare i caratteri di un monumento storico e artistico con i requisiti di un centro archeologico museale dotato di servizi tecnologici, didattici, di ricezione, di consultazione ed accessibile ad un'utenza ampliata. In questo quadro il progetto di architettura assume il ruolo di strumento diretto a mediare le istanze di conservazione con quelle di ammodernamento e di adeguamento alle nuove esigenze.
978-88-7140-380-9
This publication contains the papers of the seminar "arch.it.arch., Archeology and architecture dialogues" organized since 2005-06, on archeology, design, architecture, by the University of Rome TRE, Faculty of Architecture, Faculty of Humanities, Department of Planning and Architecture study, Department of artis-historical studies, archaeological and conservation. The seminars are an opportunity for free discussion about the relationship between archaeological and architectural design with a view to the cultural use of the site. Scientific care initiative: Daniele Manacorda, Riccardo Santangelo (Department of artis-historical studies, archaeological and conservation), Luigi Franciosini, Elisabetta Pallottino (Department of Planning and Architecture studiuo), Rita Volpe, Stefania Picciola, Alessandra Carlini and Paola Porretta. Within the publication is present the paper by Luigi Franciosini and Riccardo d'Aquino: "The archaeological site of Merecati di Traiano, restoration and museum system."
MANACORDA d, SANTANGELI VALENZANI r, FRANCIOSINI l, PALLOTTINO e, VOLPE r, PICCIOLA s, et al. (a cura di). (2006). Arch.it.arch. Dialoghi di archeologia e architettura. Seminari 2005-2006. ROMA : Edizioni Quasar.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/193012
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact