Su Schopenhauer. Marginalità filosofico-pedagogiche