Analisi del film "Stealing Beauty" (Io ballo da sola, 1996) di Bernardo Bertolucci. Dai modi di rappresentazione del paesaggio e della figura umana alle pratiche di regia e di messa in scena, dalle dinamiche di sguardo a quelle spaziali, "Stealing Beauty" formalizza un’estetica del corpo, che sembra “iniziare” lo stesso Bertolucci. Durante le commemorazioni del centenario del cinema e negli anni del tramonto delle ideologie e delle illusioni di un’intera generazione, "Stealing Beauty" rappresenta un’opera di transizione, che permette all’autore di ripensare il suo cinema e allo stesso tempo inaugurare una nuova fase creativa.

Ravesi, G. (2011). Stealing Beauty. In A. Aprà (a cura di), Bernardo Bertolucci. Il cinema e i film (pp. 243-247). Venezia : Marsilio.

Stealing Beauty

RAVESI, GIACOMO
2011

Abstract

Analisi del film "Stealing Beauty" (Io ballo da sola, 1996) di Bernardo Bertolucci. Dai modi di rappresentazione del paesaggio e della figura umana alle pratiche di regia e di messa in scena, dalle dinamiche di sguardo a quelle spaziali, "Stealing Beauty" formalizza un’estetica del corpo, che sembra “iniziare” lo stesso Bertolucci. Durante le commemorazioni del centenario del cinema e negli anni del tramonto delle ideologie e delle illusioni di un’intera generazione, "Stealing Beauty" rappresenta un’opera di transizione, che permette all’autore di ripensare il suo cinema e allo stesso tempo inaugurare una nuova fase creativa.
9788831709651
Ravesi, G. (2011). Stealing Beauty. In A. Aprà (a cura di), Bernardo Bertolucci. Il cinema e i film (pp. 243-247). Venezia : Marsilio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/298747
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact