Nella metropoli contemporanea la trasparenza infrastrutturale della finestra prospettica ipotizzata da Leon Battista Alberti ha lasciato il posto a diversi stadi di opacità: dal vetro riflettente e trasparente delle vetrine al video concepito come specchio e finestra architettonica, finanche alle facciate architettoniche trasformate in immagini-simulacro e interfacce grafiche computerizzate. D’altronde, Walter Benjamin aveva già segnalato, con assoluta preveggenza, il successo del vetro in architettura. Cent’anni dopo e oltre, noi oggi viviamo in un panorama urbano completamente dominato da un «flusso intermediale» di immagini e dispositivi di visione . I caleidoscopici assemblaggi di cornici infrastrutturali, specchi, proiezioni e schermi riscrivono, difatti, le logiche percettive, cognitive ed estetiche dell’esperienza metropolitana ordinaria e sembrano riflettere congiuntamente sullo statuto della città, delle arti e dei media contemporanei presagendo i loro possibili percorsi futuri.

Ravesi, G. (2010). Trasparenze e opacità. La metropoli e il cinema dalla vetrina al web. In S. Grasselli (a cura di), La realtà dopo il cinema. Percezione, senso, azione nel mondo visto (pp. 83-98). ENTE DELLO SPETTACOLO.

Trasparenze e opacità. La metropoli e il cinema dalla vetrina al web

RAVESI, GIACOMO
2010-01-01

Abstract

Nella metropoli contemporanea la trasparenza infrastrutturale della finestra prospettica ipotizzata da Leon Battista Alberti ha lasciato il posto a diversi stadi di opacità: dal vetro riflettente e trasparente delle vetrine al video concepito come specchio e finestra architettonica, finanche alle facciate architettoniche trasformate in immagini-simulacro e interfacce grafiche computerizzate. D’altronde, Walter Benjamin aveva già segnalato, con assoluta preveggenza, il successo del vetro in architettura. Cent’anni dopo e oltre, noi oggi viviamo in un panorama urbano completamente dominato da un «flusso intermediale» di immagini e dispositivi di visione . I caleidoscopici assemblaggi di cornici infrastrutturali, specchi, proiezioni e schermi riscrivono, difatti, le logiche percettive, cognitive ed estetiche dell’esperienza metropolitana ordinaria e sembrano riflettere congiuntamente sullo statuto della città, delle arti e dei media contemporanei presagendo i loro possibili percorsi futuri.
9788885095564
Ravesi, G. (2010). Trasparenze e opacità. La metropoli e il cinema dalla vetrina al web. In S. Grasselli (a cura di), La realtà dopo il cinema. Percezione, senso, azione nel mondo visto (pp. 83-98). ENTE DELLO SPETTACOLO.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/298754
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact