L'articolo affronta la questione della memoria e della virtualità nel pensiero di Bergson e Deleuze, proponendo la tesi della necessità di un oblio dei ricordi (delle immagini-ricordo) affinché possa emergere la memoria in sé. Viene proposto l'esempio cinematografico dell'opera di Orson Welles.

Angelucci, D. (2016). Le disavventure della memoria: Bergson, Deleuze (e Welles). In Walter Procaccio (a cura di), Oblio. Napoli : Cronopio.

Le disavventure della memoria: Bergson, Deleuze (e Welles)

ANGELUCCI, DANIELA
2016

Abstract

L'articolo affronta la questione della memoria e della virtualità nel pensiero di Bergson e Deleuze, proponendo la tesi della necessità di un oblio dei ricordi (delle immagini-ricordo) affinché possa emergere la memoria in sé. Viene proposto l'esempio cinematografico dell'opera di Orson Welles.
978-88-98367-19-1
Angelucci, D. (2016). Le disavventure della memoria: Bergson, Deleuze (e Welles). In Walter Procaccio (a cura di), Oblio. Napoli : Cronopio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/298856
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact