Le disavventure della memoria: Bergson, Deleuze (e Welles)