Antonio Gonnelli Cioni (1854-1912) è una figura ancora poco studiata nella pedagogia italiana, rappresentando invece un esempio di impegno scientifico rigorosissimo e di impegno civile nel campo dell'educazione soprattutto per gli allievi svantaggiati e con disabilità. A lui di devono la nascita di uno dei primi istituti per l'educazione dei deficienti in Italia (l'Istituto italiano per frenastenici) e il primo corso di formazione per gli insegnanti (Corso di Ortofrenia, 1894) finalizzato all'acquisizione di conoscenze e competenze per poter educare i ragazzi e le ragazze con deficit intellettivi.

Bocci, F. (2016). Antonio Gonnelli-Cioni. Un insegnante alla corte dei medici pedagogisti. In Piero Crispiani (a cura di), Storia della Pedagogia Speciale L’origine, lo sviluppo, la differenziazione (pp. 443-455). PISA : ETS.

Antonio Gonnelli-Cioni. Un insegnante alla corte dei medici pedagogisti

BOCCI, FABIO
2016

Abstract

Antonio Gonnelli Cioni (1854-1912) è una figura ancora poco studiata nella pedagogia italiana, rappresentando invece un esempio di impegno scientifico rigorosissimo e di impegno civile nel campo dell'educazione soprattutto per gli allievi svantaggiati e con disabilità. A lui di devono la nascita di uno dei primi istituti per l'educazione dei deficienti in Italia (l'Istituto italiano per frenastenici) e il primo corso di formazione per gli insegnanti (Corso di Ortofrenia, 1894) finalizzato all'acquisizione di conoscenze e competenze per poter educare i ragazzi e le ragazze con deficit intellettivi.
978-8846743596
Bocci, F. (2016). Antonio Gonnelli-Cioni. Un insegnante alla corte dei medici pedagogisti. In Piero Crispiani (a cura di), Storia della Pedagogia Speciale L’origine, lo sviluppo, la differenziazione (pp. 443-455). PISA : ETS.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/299161
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact