Carla Lonzi, art historian and feminist, was a key figure of post-war Italian culture. The book presents for the first time a complete and in-depth study of her activity in art history and criticism, from her education with Roberto Longhi to the publication of the book Autoritratto (Self-portrait) and the subsequent rare interventions, up to the foundation of Rivolta Femminile in 1970. Based on unpublished documents and on a large corpus of printed texts, the book shows the way that led Lonzi to write on the main features of contemporary art, and to reinvent art criticism through an unconventional use of the recorder; her conversations with artists (among others Accardi, Fabro, Paolini, Fontana, Castellani, Consagra, Kounellis, Pascali, Rotella, Scarpitta, Turcato) inaugurated a new way of doing criticism, while at the same time contributing to her initial elaboration of feminism.

Carla Lonzi, storica dell’arte e femminista, è stata una delle figure centrali della cultura italiana del dopoguerra. Il libro presenta per la prima volta una ricostruzione integrale della sua attività nella storia e nella critica d’arte, dalla formazione con Roberto Longhi alla pubblicazione del fondamentale volume Autoritratto e ai successivi rari interventi, fino alla fondazione di Rivolta Femminile nel 1970. Basato su documenti inediti e su un vasto corpus di testi a stampa, il libro mostra l’itinerario che ha portato Lonzi a scrivere sui principali snodi dell’arte contemporanea, e ad accompagnare la rivoluzione dei linguaggi artistici degli anni Sessanta con una reinvenzione totale della critica d’arte attraverso un uso non convenzionale del registratore; le sue conversazioni con gli artisti (tra gli altri Accardi, Fabro, Paolini, Fontana, Castellani, Consagra, Kounellis, Pascali, Rotella, Scarpitta, Turcato) hanno inaugurato un modo inedito di fare critica, e insieme hanno contribuito all’elaborazione iniziale del femminismo.

Iamurri, L. (2016). Un margine che sfugge. Carla Lonzi e l'arte in Italia, 1955-1970. Macerata : Quodlibet.

Un margine che sfugge. Carla Lonzi e l'arte in Italia, 1955-1970

IAMURRI, Laura
2016

Abstract

Carla Lonzi, storica dell’arte e femminista, è stata una delle figure centrali della cultura italiana del dopoguerra. Il libro presenta per la prima volta una ricostruzione integrale della sua attività nella storia e nella critica d’arte, dalla formazione con Roberto Longhi alla pubblicazione del fondamentale volume Autoritratto e ai successivi rari interventi, fino alla fondazione di Rivolta Femminile nel 1970. Basato su documenti inediti e su un vasto corpus di testi a stampa, il libro mostra l’itinerario che ha portato Lonzi a scrivere sui principali snodi dell’arte contemporanea, e ad accompagnare la rivoluzione dei linguaggi artistici degli anni Sessanta con una reinvenzione totale della critica d’arte attraverso un uso non convenzionale del registratore; le sue conversazioni con gli artisti (tra gli altri Accardi, Fabro, Paolini, Fontana, Castellani, Consagra, Kounellis, Pascali, Rotella, Scarpitta, Turcato) hanno inaugurato un modo inedito di fare critica, e insieme hanno contribuito all’elaborazione iniziale del femminismo.
9788874627967
Carla Lonzi, art historian and feminist, was a key figure of post-war Italian culture. The book presents for the first time a complete and in-depth study of her activity in art history and criticism, from her education with Roberto Longhi to the publication of the book Autoritratto (Self-portrait) and the subsequent rare interventions, up to the foundation of Rivolta Femminile in 1970. Based on unpublished documents and on a large corpus of printed texts, the book shows the way that led Lonzi to write on the main features of contemporary art, and to reinvent art criticism through an unconventional use of the recorder; her conversations with artists (among others Accardi, Fabro, Paolini, Fontana, Castellani, Consagra, Kounellis, Pascali, Rotella, Scarpitta, Turcato) inaugurated a new way of doing criticism, while at the same time contributing to her initial elaboration of feminism.
Iamurri, L. (2016). Un margine che sfugge. Carla Lonzi e l'arte in Italia, 1955-1970. Macerata : Quodlibet.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/299652
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact