Tra bucolica ed encomio: le "Ecloghe" di Calpurnio Siculo