Il viaggio e la memoria: il "De reditu suo" di Rutilio Namaziano