L’ambito penitenziario: la scuola come dispositivo d’innovazione