The extraordinary development of the new media industry in the post-industrial economy, one that relies more and more on intangible rather than tangible goods, has added further layers of complexity to the discussion on ‘culture industry’. Such an articulate ongoing debate has inevitably affected the way we understand the humanities, those academic disciplines that include literature, ancient and modern languages, philosophy, history and all that is related to human culture. In this panorama, the opening of academic courses in tourism, as an eminently ‘human’ discipline strongly related to economy, is an interesting phenomenon.

Il notevole sviluppo dell’industria mediatica nell’economia postindustriale, più rivolta ai beni intangibili che non a quelli tangibili, aggiunge nuovi elementi di discussione al tema dell’industria culturale. Il dibattito oggi in corso sta influenzando profondamente il modo in cui percepiscono oggi le materie umanistiche, e in particolare discipline accademiche quali letterature, lingue antiche e moderne, filosofia e storia e tutto ciò che si collega alla cultura dell’uomo. In questo scenario è fenomeno di particolare interesse il proliferare di corsi universitari sul ‘turismo’, un’area intesa come umanistica e al contempo strettamente connessa all’economia.

Pennacchia, M. (2015). Industrie creative, discipline umanistiche e turismo, 175-181.

Industrie creative, discipline umanistiche e turismo

PENNACCHIA, MADDALENA
2015-01-01

Abstract

Il notevole sviluppo dell’industria mediatica nell’economia postindustriale, più rivolta ai beni intangibili che non a quelli tangibili, aggiunge nuovi elementi di discussione al tema dell’industria culturale. Il dibattito oggi in corso sta influenzando profondamente il modo in cui percepiscono oggi le materie umanistiche, e in particolare discipline accademiche quali letterature, lingue antiche e moderne, filosofia e storia e tutto ciò che si collega alla cultura dell’uomo. In questo scenario è fenomeno di particolare interesse il proliferare di corsi universitari sul ‘turismo’, un’area intesa come umanistica e al contempo strettamente connessa all’economia.
978-88-97524-28-1
The extraordinary development of the new media industry in the post-industrial economy, one that relies more and more on intangible rather than tangible goods, has added further layers of complexity to the discussion on ‘culture industry’. Such an articulate ongoing debate has inevitably affected the way we understand the humanities, those academic disciplines that include literature, ancient and modern languages, philosophy, history and all that is related to human culture. In this panorama, the opening of academic courses in tourism, as an eminently ‘human’ discipline strongly related to economy, is an interesting phenomenon.
Pennacchia, M. (2015). Industrie creative, discipline umanistiche e turismo, 175-181.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/302083
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact