«La navicella del mio ingegno». Dante, nuovo Orfeo nel «casser de la mente»