Respiro, suspence e storia. Appunti sulla regia di Bertolucci