Identità, mito e propaganda nel romanzo coloniale degli anni Trenta