Una «preda» da spartire: Impero ottomano, Grandi potenze e Stati balcanici