Ispirato dalle "Città Invisibili" di Italo Calvino e guidato dalla visione teorica di Michel De Certeau, questo saggio si concentra sull’intreccio originario, costante e sempre cangiante di astrazione e pratica del vivere le città. In particolare la riflessione è dedicata a Ciudad de México, e a come lo sguardo letterario di due grandi autori ha potuto osservare e descrivere questa metropoli contemporanea: Carlos Monsiváis, che, in “Tepito como leyenda”, costruisce una mappa di simboli ed emblemi leggendari, unica mappa possibile di una città ormai anonima e impersonale, dove per ritrovarsi, ci si può orientare solo a partire dai personaggi che la vivono; Jorge Ibargüengoitia, che, in "¿Olvida usted su equipaje?", affronta una Ciudad de México il cui caos urbanistico e socio-culturale rende quasi impossibile non solo mappare la città ma, prima ancora, percorrerla.

Drago, M. (2014). La città dall'astrazione delle mappe alla pratica dei percorsi: Ciudad de México. In Tedeschi Stefano, Melis Alessia, & Gatti Giuseppe (a cura di), Itinerari nelle città plurali – Scritture ispanoamericane nello spazio urbano. Città di Castello : Edizioni Nuova Prhomos di Fratini F.D..

La città dall'astrazione delle mappe alla pratica dei percorsi: Ciudad de México

DRAGO, MICOL
2014

Abstract

Ispirato dalle "Città Invisibili" di Italo Calvino e guidato dalla visione teorica di Michel De Certeau, questo saggio si concentra sull’intreccio originario, costante e sempre cangiante di astrazione e pratica del vivere le città. In particolare la riflessione è dedicata a Ciudad de México, e a come lo sguardo letterario di due grandi autori ha potuto osservare e descrivere questa metropoli contemporanea: Carlos Monsiváis, che, in “Tepito como leyenda”, costruisce una mappa di simboli ed emblemi leggendari, unica mappa possibile di una città ormai anonima e impersonale, dove per ritrovarsi, ci si può orientare solo a partire dai personaggi che la vivono; Jorge Ibargüengoitia, che, in "¿Olvida usted su equipaje?", affronta una Ciudad de México il cui caos urbanistico e socio-culturale rende quasi impossibile non solo mappare la città ma, prima ancora, percorrerla.
9788868530822
Drago, M. (2014). La città dall'astrazione delle mappe alla pratica dei percorsi: Ciudad de México. In Tedeschi Stefano, Melis Alessia, & Gatti Giuseppe (a cura di), Itinerari nelle città plurali – Scritture ispanoamericane nello spazio urbano. Città di Castello : Edizioni Nuova Prhomos di Fratini F.D..
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/312763
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact